08 - Lampare

 

  

 LA LAMPARA

 

duemilaundici

 

ACCENSIONE

 

Se la velocità è la luce, tutta la luce del mondo, allora le apparenze sono trasparenze momentanee e ingannevoli, e anche le dimensioni spaziali non sono altro che fugaci apparizioni, come le cose percepite nell'istante dello sguardo.


(Paul Virilio, da Estetica della sparizione)

 

 

UNO

 

 

Rosa alle morti bianche/ Quando lavoro sono felice/ Mi dispiace sia caduto sul the/ Sono in fase di cambiamento/ Facciamo così/ Attento/ Ho capito che serve anche un pubblico adeguato/ È meglio chiedere informazioni/ Verona? Ci ho pensato molto, poi mi sono trasferito qui/ E alla fine sei riuscita a / Eh ma guarda che bello questo collier/ DICIAMOLO, DICIAMOLO/ Insomma/ Una casa, una piazza in cui ci stiano milioni di persone/ Saresti da strozzare/ La fine del mondo/ Papà/ Noooo/ Questo volevo dirti, perché praticamente/ Alla fine/ Come fai a saperlo?/ Mi scusi/ Sì dai/ Perché passare là?/ Risate/ Eh?/ Non è vero un cazzo/ Sono armadi privati/ Da novembre non vado più/ Anche se c’è leggera foschia/ Sì perché glielo avevo detto/ Bene, bella/ Ciao/ Tacchi su marmo/ Dai che dopo piangi/ Ti chiedi la stessa cosa di/ Se vuoi ti porto io questa sera/ Senti/ Sennò me lo riporto a casa/ Tutti hanno la tosse/ Ti mando una mail, ti COMUNICHERÒ/ Sto perdendo terreno/ Basta/ Se ci sedavamo lì in contromano era meglio per l’immaginazione/ Scoppia la testa/ Compro libri usati/ Che situazione/ Una commessa a braccia conserte squadra/ Cioccolata calda/ Gondole di Venezia/ In quale borgo?/ Organizza tu qualcosa di carino/ All’angolo/ Mi serve/ Ci piaceva/ Chi immortala vetrine di Cartier/ E smettila con le tue cazzate/ In un altro ambiente si sarebbe staccato/ Girando bene/ Miseria/ Grazie mille/ Non è giusto per nessuno/ Saltata l’espressione/ Ti do una brutta notizia, purtroppo/ Anche il direttore de Il Tempo, integerrima persona/ Così colmo di fretta/ Ha sempre fatto la principessa sul pisello/ Ho sbagliato orologio/ Chi disprezza compra/ Fieracavalli/ Melegatti since qualcosa/ Renzi è troppo bravo e fa paura al SISTEMA/ Carico scarico/ Libreria Europa deserta, solo scatoloni/ Saccheggi cinesi/ Lo spread mette ansia/ Ci si può servire?/ Quanto profumo/ La nostra materia prima/ Ha litigato di brutto con suo padre/ Ho il freddo incollato alle ossa/ Mia suocera è sempre lì/ Il mio cane in fuga/ Lavasecco Mani Pulite/ E allora sì/ Un curvo canuto che pare mio nonno fatto borghese, lo lascio passare sfilare dopo il primo Novembre/ Oplà/ Benvenuti nell’aldiquà/ Ci sentiremo spero presto, quando avremo notizie l’uno dell’altro.

 

 

DUE

 

L’oggettività del margine/ Chi guida/ Potremo parlare quando/ Da da da/ Dovrà trovarsi un lavoro/ Ce l’ho fatta, ce l’ho fatta!/ È spesso logorroica, non è cambiata/ Spenderai una fortuna in benzina/ E avanti così/ Ho deciso: faccio un ponte lunghissimo/ Estendi le tue conoscenze/ Che cazzo vuol dire?/ Non so mai cosa fare/ Mi scappa una gran pisciata/ Infatti/ Almeno l’una e un quarto/ Irene!/ C’era scritto sulla carta/ Immobili Venturi/ Il bacio del leone/ I balconcini sono strettissimi/ Credo coltiverò qualcosa/ Ha una voce strana/ I suoi saranno fuori casa nel giorno del suo compleanno/ Quando ti scade il permesso?/ Già ho conosciuto la figlia di Gonnella, ha due anni meno di me, perfetta/ Anche la maglia di/ Sì sì/ Quindici Euro/ Infatti/ Non dire “a”/ Sono arrivata a/ Elenco stentato ma dettagliato di videogiochi/ Ventiquattro Euro/ Lei c’ha tutto il suo gruppetto di amici immobili/ Quella del film/ Il Benda non c’era invece/ Amore/ Non vuole/ Al massimo/ È l’ottava volta che/ CENTRO BENESSERE ASIA/ Potrebbe essere suo figlio ormai/ Ma io lo controllo/ Allora/ Non so cosa sia/ Adesso torniamo a casa/ No/ Elicottero/ Scroscio di risate/ Domanda, magari/ Asociale/ Gli da fastidio che/ Cosa c’entro io?/ Che stress/ Lei lo fa apposta/ Entusiasmo/ Una voglia sacrosanta di servizi, farò una richiesta col Morse/ LA CRISI/ Verrà rinnovato/ Infatti non le ho viste/ Il regalo/ Il gelato/ Tutti questi luoghi in comune/ Arrivi a Castelvecchio e poi prosegui/ Spero non abbiano bambini/ Sapeva che/ Una donna calamita lo sguardo alle zampe posteriori del proprio cane minuscolo/ Sarà soltanto sera in playback/ Devo ancora decidere cosa infilarmi/ E poi vedi il colore/ Schiocco di baci/ Così è perso/ Quelli che il cantiere/ Diciotto e zerosei/ Info vendite: tre-quattro-otto…/ Onoranze funebri/ Fioreria Gaia/ Doveva aspettarmi/ Perché?/ Mamma guarda là/ Buchi blu.

 

 

TRE

 

(piove)

È tutta una questione di soldi, Luigi/ Esco sempre senza ombrello/ Paia d’occhi pletorici per la lampara/ Oddio quanto odio la pioggia/ Dimmi tutto/ Articolo diciotto/ Autoscatto/ Io vado là, se mi vuoi seguire…/ Voglio essere il primo a salire/ Con queste scarpe tutte bagnate/ RESO CIECO DA CALCE VIVA OPERATO TORNA A VEDERE.

 

 

QUATTRO

 

“Vendesi” con una donna in calzamaglia logora dietro il vetro/ Se fosse una mia amica che non mi rispondesse/ Lo fa impazzire, completamente/ Perché non è ancora uscita/ Passiamo a trovare la nonna?/ Non l’ho mai detto/ Deleghe gestione sinistri/ La settimana prossima, senza forzare/ La passavano come/ Regalo per te/ C’è sempre un buon motivo/ Basta mangiare merda/ Io ho inventiva/ Ci troviamo a Milaccio, o come cazzo si chiama/ Ci sono stato a Settembre/ Chiosco Insonnia, aperto sette giorni su sette/ Almeno la mano me la dai?/ Tic toc tacchi/ Scusa/ Vieni vicino/ Quando sei in nessun posto/ Per caso/ Poi ci scambieremo i numeri/ E abbiamo realizzato/ E quindi/ No no, non uso più il tutore/ Ciao/ Vecchi decrepiti su seggiole nuove/ Hallo/ Per stare calmi a letto/ Mi concentrerò/ Una domanda/ Lo compriamo?/ Aspetto da troppo tempo, decisamente/ Usarla era una ignominia/ Magari era vero/ Ma se lo pensi/ Chiamato a redimere distanze/ Un dosatore di sonno/ Sul comodino/ Rotelle giapponesi con l’adesivo aeroportuale bianco verde/ Una donna dissestata/ Ma anche lui non condivideva/ Eccetera eccetera/ Cioè adesso, sinceramente/ A Gennaio qualcosa dovrà fare/ Tanto ancora/ Molti disagi/ Loro sognano tutte il Bolshoi/ Le sei di domani/ Essere comunisti è un’inclinazione/ Posso provarci/ Bisogna uniformarsi/ Costruzioni con sguardo di sfida/ Giardini Pradaval/ Cosa c’è? C’è che mi sono innamorato di te –ed altre situazioni scoraggianti/ Ogni ora/ Buonasera, Gloria.

 

Hit Counter