Nuova pagina 1
Giacomo Vit - Zyklon B

Edizioni CFR - 2011 - pp. 48     € 8,00

 

[...]

Lo sguardo delle cose cerca solo la memoria, un'evidenza della memoria, più che un giudizio o un’accusa. Il poeta è talmente smarrito davanti alla devastazione fisica, morale e spirituale dell’essere che ha solo parole per trascrivere l’evidenza, per interrogare le cose, per trovare il loro sguardo col quale guardare il mondo e la storia. Lo sguardo coglie allora la terribile verità: l’uomo diventa fiamma nell’acqua, ombra nella notte, / sputo di cenere… Lo può diventare sempre, non ci sono vaccini alla disumanizzazione, non ci sono mai pericoli per sempre superati, nella storia. Ci sono gli oggetti però - e la memoria che sopravvive in essi - che sono i veri monumenti alle esistenze perdute di Auschwitz.

C’è la commozione, a redimere la follia della ragione ideologica, capace di chiedere alle cose l’umanità che esse trattengono nella loro storia, in quel misterioso permanere dopo i loro creatori, che suona come uno scacco matto alle eterne domande di senso; c’è quella ragione del cuore che la ragione non conosce, per dirla con Pascal, che permea questa intensa silloge di una muta domanda che va oltre la storia narrata dagli oggetti. Il vero antidoto al male è, dunque, guardarlo bene in volto, interrogarlo/interrogandoci, conservarne la memoria

(G. Lucini)

 

Manifesto della presentazione della raccolta, il 27 gennaio 2012 a Pordenone.

 

http://www.bresciaoggi.it/stories/Cultura_e_Spettacoli/423756_ci_voleva_il_duro_friulano_per_dire_pure_lindicibile/

 

Articoli su giornali locali

__________________________________________________________________

Zyklon B I vui da li’ robis (Gli occhi delle cose) di Giacomo Vit

La recensione di Nelvia Di Monte
 su: http://www.poetidelparco.it/index.php?pag=9&id_profilo=698

 

Giacomo Vit, Zyklon B I vui da li’ robis (Gli occhi delle cose) Edizioni CFR, 2011

 

Impossibilità di svelare tutto l’orrore insensato di Auschtwitz e necessità di dirlo una volta ancora. Su questo difficile crinale si dispiega l’imperativo etico che guida la poesia di Vit, la sua scelta di lasciare che siano “gli occhi delle cose” a guidare la scrittura in un percorso così aderente alla realtà da ribaltare il rapporto soggetto-oggetto: sopravvivono le cose materiali, impregnate di una soggettività offesa o ridotta a frammenti prossimi a scomparire, “fiamma nell’acqua, ombra nella notte, / sputo di cenere”. La parola aderisce a questo sguardo (“Lint rota ch’a ciacara da la so / imperfession – Lente rotta che parla della sua / imperfezione”), facendosi strumento duttile di una ricerca di verità che parte dagli oggetti, dà voce alla loro presenza nel tempo e cerca di articolare le domande senza risposta sull’incomprensibilità del male.

Le cose hanno preso il posto delle persone, diventando una muta ma indelebile testimonianza di ombre labili come riflessi scivolati via sullo specchio degli eventi. Annientata l’umanità del singolo, non ha più senso il nome proprio abbinato alle donne fotografate, “beta ch’a ciucia un got / di timp mars, la piel sbregada di tatiana, / e rachele ch’a siga il nuia il nuia il nuia – elisabetta che succhia un bicchiere / di tempo sfatto, la pelle scorticata di tatiana, / e rachele che urla il nulla il nulla il nulla”. Sono troppi i morti che “dondolano in controluce alla Storia” quando nessuna lingua riusciva a stanare Dio “da nubi dure come sassi”. Per avvicinarsi all’inenarrabile mostruosità del lager, non bastano le parole consuete, frutto di una comunità che in esse si riconosce. La violenza perpetrata ha reciso il legame tra realtà e rappresentazione simbolica dei segni: mucchi di scarpe, di capelli, di oggetti personali dicono più di quanto le parole siano in grado di descrivere. Forse bisogna cercare termini differenti, innestando nuovi incubi su arcaiche mitologie, per mostrare come paure ancestrali si sono fuse alle moderne tecniche di distruzione umana, in un continuum che dal fondo del tempo vortica in forme sempre più distruttive per creare mostri come “il sbilfflàt ch’al zuia cu li’ / cordelis dai to’ sgnarfs – il sbilffiato che gioca con le / cordicelle dei tuoi nervi”.

Il friulano di Vit è lingua asciutta e diretta, connaturata alla visione intimamente popolare, “antilirica, spiccia e rude, niente affatto in cerca di letterarietà ad effetto ma piuttosto di verità” di cui parla Gianmario Lucini nell’introduzione. Lo è sempre stata ma qui è consapevole del rischio che la mano “a si strambarà / ta li’ peraulis – incespicherà sulle parole”. I testi tendono ad essere brevi ed incisivi, a volte terminano con puntini di sospensione o punti interrogativi, o si frammentano come se la commozione non consentisse di riunire ciò che la Storia ha così violentemente spezzato. Fotografie, oggetti, memorie, presentano una realtà che ha il colore della cenere, dove è sempre in agguato il rischio della cancellazione, dove il bianco si diffonde come coltre di neve e gelo, foglio destinato a restare privo di segni e senso, mentre il nero è notte, buio, nulla, “inchiostro sul mondo”. La poesia può contrastare questo processo di annientamento, ascoltando ciò che gli oggetti ancora suggeriscono, “una canzone cava / che bussa al / fiato” e che proviene non da persone ma dall’involucro vuoto che le ricopriva: “Coro dei vestiti a righe” è il titolo del testo, immagine di un’umanità annichilita che persiste in sottofondo come un brusio nella memoria, polvere nel vento della storia. La poetica di Vit fa scaturire il senso della poesia dalle cose stesse, testimoni di una tragedia e, insieme, dell’inestinguibile bisogno di una vita degna, nello stesso modo in cui un cialderin (paiolino), per quanto sbrecciato, non smetterà “di sbicià la mai scunida seit / di umanitàt – di versare la mai fiaccata sete / di umanità”.

La tematica di quest’ultima raccolta è storicamente più determinata rispetto alle sillogi precedenti ma conserva con queste molti legami poiché ciascuna costituisce un approfondimento su un frammento di storia umana, del singolo e dei tanti che hanno vissuto le medesime esperienze: spesso difficili e drammatiche, come la piena di un’alluvione, (La plena, Biblioteca Civica di Pordenone, 2002); a volte più lievi ma non meno destrutturanti, quali un trasloco, simbolo della precarietà del vivere che accomuna il moderno presente alla condizione dei contadini per i quali a novembre scadeva il contratto e dovevano cercare altrove casa e lavoro (Sanmartin, LietoColle, 2008). Permane costante l’attenzione alla socialità, a quell’ideale di empatia che dovrebbe guidare la convivenza e, invece, consente a volte solo di fissare testimonianze e ricercare “sotto la scorza del mondo, / l’ombra di un segreto” (in Sòpis e patùs, Edizioni Cofine, 2006). Non è poco ma non può bastare ad un poeta che percepisce il mondo della vita come una totalità inscindibile in cui la singola esistenza non è mai individualismo perché è in gioco la dignità di ciascuno e – viene da aggiungere – nessuno si salva da solo. Anche in questa raccolta la natura permea ogni creatura con la sua simbiotica fisicità, partecipe di tanta sofferenza ma anche fonte di cambiamento. Da essa è necessario ripartire, dall’intimo legame tra le creature, per cercare una via d’uscita dall’orrore. Non è facile conservare la forza di ricordare senza soccombere a questo passato, occorre uno sguardo nitido che sappia orientarsi verso una nuova direzione, forse gli occhi di una bambina “non sporchi di fumo” che avranno finalmente “la lus justa par sbusà / li’ stròpis di nèif nera, e vardà in duà che il vint / al si srodolea ridint – la giusta luce per forare / le siepi di neve nera, e guardare dove il vento / si srotola ridendo”.

 

Nelvia Di Monte

19 marzo 2012
___________________________________________

 

Giacomo Vit, Zyklon B. I vui da li’ robis (Gli occhi delle cose), Edizioni CFR, 2011.

di Manuel Cohen)

su Punto Almanacco di aprile 2012

Giacomo Vit (1952), uno tra i migliori neo-dialettali in attività, ha scritto numerosi libri in poesia ed in prosa, affidandosi alla lingua friulana, in quella varietà parlata a Bagnarola di Sesto al Reghena (PN) che sta su un discrimine linguistico: tra veneto limitrofo e friulano di Casarsa, la città e la lingua care a Pasolini. Che questa sia una lingua di discrimini e di margini, e che sottenda ad una implicita marginalità di riferimento, è evidenziato dal fatto che sia continuamente contesa tra due aree o continuamente imparentata o debitrice al veneto e al furlàn: una delle lingue elettive della poesia del Novecento. I testi della nuova raccolta, prendono spunto e attingono a un repertorio di 600 fotografie visionate dall’autore sul web. Si tratta di foto relative alla Shoà, e Zyklon B è la sigla che indicava il tipo di gas utilizzato dai nazisti nei campi di sterminio. La paradossale affermazione di T. Adorno secondo cui, dopo Auschwitz sarebbe stato impossibile fare poesia, è stata, nei decenni successivi, sistematicamente smentita da una istanza irredimibile dell’uomo e da una pratica mai venute meno. Per non dire della monumentale messe di versi scritti da sopravvissuti e da testimoni aventi per oggetto l’Olocausto, la persecuzione, la tragedia immane: produzione a cui di recente si va ad aggiungere la scrittura sulla Shoà fatta da non-testimoni diretti. Ѐ questo il caso di Giacomo Vit, che, come Salvatore Pagliuca affronta una pagina della grande Storia (di cui leggete sempre su «Punto») e che, anche per ragioni anagrafiche è da considerarsi estraneo alla vicenda. Ma l’estraneità, che vuole l’uomo all’uomo straniero (E. Jabès) accomuna le epoche e le lingue, crea nessi di solidarietà che valicano culture e razze, religioni ed etnie, orrore e conoscenza dell’orrore, e  qui diviene estraneità alla insensatezza o banalità del male (H. Arendt). Versi dunque da intendere come istantanee, o letture empatiche e simpatetiche a corredo di foto: rapide e concise, tese nell’arco di piccole strutture generalmente oscillanti tra i 10 e i 12 versi. I versi, poi, brevi e brevissimi sono pasoliniane e minimali descrizioni di descrizioni: la piccola tazzina, la scatoletta di lucido per scarpe, il clarinetto, gli occhiali, i piccoli oggetti quotidiani, feriali e domestici, rimasti a testimoniare chi più non è al mondo, il colore e l’odore, quasi, della cenere dei gassati nei forni, sparsa dai carnefici nei fiumi perché non ne rimanesse traccia. La forza dell’arte, e delle arti, sta proprio nella capacità di farsi testimone, oggettuale testimonianza di vita, come nei bei versi di Clarinèt, Clarinetto in cui lo strumento si fa percezione acuta del dolore: “sembrava / morto, cadavere / fra i cadaveri, ma / invece suona / con una voce sottile, / ago di suono” (p. 37) o nella sua vocazione all’ospitalità, alla accoglienza della residuale umanità dell’uomo (M. Luzi) come nel testo Ociai, Occhiali: «Lint rota ch’a  iacara da la so / imperfession, nostalgia di piel, / ombrena di vuli ch’a si moveva / par brincà li’ robis sparnissadis / tal curtil dal mond. Lint ch’a grata / i to’ vui ciùmps tal bosc di stangiètis / e stagions…»«Lente rotta che parla della sua / imperfezione, nostalgia di pelle, / ombra d’occhio che si agitava / per acchiappare gli oggetti sparpagliati / sul cortile del mondo. Lente che gratta / i tuoi occhi sbilenchi nel bosco di stanghette / e stagioni…» (p.13). Lingua essenziale, rastremata e pudìca, ridotta all’osso, a un ossario di figure e di cenere, questa di Giacomo Vit, modulata su lievi ritorni sonori che le danno cadenza di laica e dimessa preghiera, tra invocazione ed evocazione: si pensi alle anafore (Lint, lint; in duà, in duà), alle ripetizioni variate e accresciute, motore sonoro impercettibile e movimento dei testi: «Montagna di ciaviei, in duà / a sonu i tos? Chei che to mari / a ti caressava prin che cualchidun / al rabaltàs ingiostri tal mond? / In duà ch’a duàrmin, sporcs, / intorgolàs, distacàs dal to / ciavùt di pipina inciocada / tai binaris dal gas?», «Montagna di capelli, dove / sono i tuoi? Quelli che tua madre / ti accarezzava prima che qualcuno / rovesciasse l’inchiostro sul mondo? / Dove dormono, sporchi, / aggrovigliati, strappati dal tuo / capino di bambola ubriacata / nei binari del gas?» (p.26). (Manuel Cohen)

_____________________________________________

Matteo Vercesi, su Letteratura e dialetti, rivista internazionale, 5/2012 - Fabrizio Serra Editore

 

Giacomo Vit, Zyklon B. I vui da li’ robis (Gli occhi delle cose). Poesie in friulano, a cura di Gianmario Lucini, Piateda (Sondrio), cfr, 2011, pp. 48.

 

Può davvero la poesia farsi testimonianza dell’Olocausto ? A leggere le sedici poesie di Zyklon B (il nome del gas utilizzato nei campi di sterminio), scolpite come su pietra nell’abisso dell’orrore, si ha l’impressione che i versi possano diventare realmente documento, integrare la storia restituendo alla collettività, oltre all’aspetto materico, la gamma emotiva della ferocia e della disperazione.

Giacomo Vit, nato a Cordovado (Pordenone) nel 1952, insegnante, è autore di molte raccolte poetiche in friulano, tra le quali menzioniamo Chi ch’i sin, Udine, Campanotto, 1990 ; La cianiela, Venezia, Marsilio, 2001 (antologia di poesie edite ed inedite dal 1977 al 1998) ; Sòpis e patùs, Roma, Cofine, 2006 ; Sanmartin, Faloppio, Lietocolle, 2008. Il dialetto utilizzato è quello di Bagnarola di Sesto al Reghena, a confine con il Veneto e non distante dalla Casarsa pasoliniana ; una ‘lingua’ rarefatta che ha in questa raccolta l’incedere ritmico del tamburo delle marce funebri, a condurre il lettore in una dimensione stregonesca e attonita, ma densa di un rastremato senso di pietà. Lo sguardo si posa su fotografie che ci restituiscono l’immagine dell’« incomprensibilità del male », come afferma l’autore nella sua nota introduttiva (un libro che nasce dalla visione di numerose immagini dell’Olocausto) : è lo sguardo dell’uomo sopravvissuto al naufragio della storia, che tenta di ridisegnare la sinopia di vite disperse nel gorgo dei lager ; Vit cammina solitario tra il mondo visibile (quello dei manufatti rimasti, appartenuti ad umani seviziati, accatastati come oggetti) e quello invisibile (quello dei morti, delle anime riportate in luce dal buio del passato, di cui immagina l’intimo ragionare dalla lontananza ; del divino che sembra abdicare).

Gianmario Lucini afferma che il « poeta è talmente smarrito davanti alla devastazione fisica, morale e spirituale dell’essere che ha solo parole per trascrivere l’evidenza, per interrogare le cose, per trovare il loro sguardo col quale guardare il mondo e la storia » (p. 9), in un dettato che è antiretorico, teso alla riappropriazione del senso più profondo della responsabilità.

Ecco che allora, in un paio di occhiali, è come se si impigliasse l’intera vita di chi li indossò, per leggere una realtà che poi si incrudelì : « Lint rota ch’a ciacara da la so / imperfession, nostalgia di piel, / ombrena di vuli ch’a si moveva / par brincà li’ ròbis sparnissadis / tal curtil dal mond. Lint ch’a grata / i to’ vui ciùmps tal bosc di stangiètis / e stagions… » [Lente rotta che parla della sua / imperfezione, nostalgia di pelle, / ombra d’occhio che si agitava / per acchiappare gli oggetti sparpagliati / sul cortile del mondo. Lente che gratta / i tuoi occhi sbilenchi nel bosco di stanghette / e stagioni…]. L’annientamento è soprattutto cancellazione delle identità, violazione di un ordine naturale, come si avverte in Fotografiis di feminis (“Fotografie di donne”), ove ad essere vilipesa è anche la funzione generatrice, materna, che sprofonda nel vuoto : « lujza, marianka, esta, e tu / charlotta, magda, biela jeanette, / gigiuta da vui neris, e nena cun / sent ains in tal pùin, virginia / vacia dai sperimints, e tu bionduta / cul non dislagàt, e tu miute-stec / scalsàt dal vint, alina-cuarda ch’a / nissa un brut siun, patricia cul / rastiel dai dinc’, beta ch’a ciucia un got / di timp mars, la piel sbregada di tatiana, / e rachele ch’a siga il nuia il nuia il nuia » [lujza, marianka, esta, e tu / charlotta, magda, bella jeanette, / luigina dagli occhi neri, e maddalena con / cento anni nel pugno, virginia / vacca da esperimenti, e tu biondina / col nome liquefatto, e tu miute-stecco / calciato dal vento, alina-corda che / dondola un brutto sogno, patricia col / rastrello dei denti, elisabetta che succhia un bicchiere / di tempo sfatto, la pelle scorticata di tatiana, / e rachele che urla il nulla il nulla il nulla].

La parola aderisce ai dettagli, ad aspetti apparentemente minimali che rivelano invece il reale perimetro della costellazione del male, scavando oltre le forme e riplasmandole (un’operazione in fondo non dissimile da quella effettuata da W.G. Sebald nella prosa di Austerlitz [2001], ove si giunge alla ricostruzione dell’annientamento nazista ‘per vie laterali’, e dove il corredo fotografico presente è proteso all’allusione più che all’esplicazione). Il friulano è qui lingua tra le lingue nel coro della disperazione ; il poeta, in Fotografiis di omis piciàs (“Fotografie di uomini impiccati”) si chiede con quali parole (polacche, ungheresi, italiane, friulane ?) ebrei, zingari e omosessuali abbiano vissuto gli ultimi attimi di vita, prima dell’uccisione : « Cun che lenga i vèisu serciàt / di sbordonà da li’ nùlis dùris / cuma claps, il Signòur ? » [Con quale lingua avete tentato / di stanare da nubi dure / come sassi, il Signore ?].

In alcuni casi il folclore si trasfigura in terrore (figure della mitologia popolare friulana che si fondono ad oggetti inanimati e che diventano strumenti di tortura), in quella che diventa un’oscura notte della ragione. Ma quella di Vit, attraversando un nero paesaggio di morte, è in fondo anche poesia di resurrezione, di rinascita, di luce, verbo che non si piega alla cieca violenza della storia, incarnando ed esprimendo « la mai scunida seit / di umanitàt » [la mai fiaccata sete / di umanità].

 

 Hit Counter