Gianmario Lucini

Francesco Di Stefano

Er pesce puzza prima da la testa

 

ISBN 978-88-98677-55-9, pp. 184, € 14,00

 

 

 

 

Di Stefano ha una incredibile capacità di sintetizzare nel sonetto satirico, il nocciolo degli avvenimenti politici e di costume di cui parla la cronaca ogni giorno. Dietro di lui l'ombra del Belli, come rileva Christian Sinicco nella sua prefazione e del Trilussa, dei quali Di Stefano sembra la continuazione ideale. Il corposo lavoro che l'autore presenta in questo volume, si compone di due parti: la prima che riguarda avvenimenti del passato, comunque presenti nella nostra memoria, e la seconda che riguarda gli avvenimenti della politica e della cronaca di costume dal periodo del Governo Letta in poi. Di Stefano se la prende non tanto con i personaggi, che sono più presenti quanto più "meritano" di essere presenti, ma anche con l'infiacchimento della morale e con gli stessi prelati (Bertone ad esempio) che mostrano di muoversi nell'ambiguità e di comportarsi in maniera poco chiara e certamente discutibile, stando ai loro stessi insegnamenti. Unica eccezione per papa Francesco, il quale dapprima è come "soppesato" (essendo sconosciuto) dal poeta e poi qualcosa gli viene riconosciuto, ma con un prudenziale "staremo a vedere", in bilico fra speranza e disincanto.

Come si è già detto a proposito della precedente pubblicazione dell'autore, egli sceglie l'arte del menestrello, nascosta e dimessa ma la sola capace di registrare una "temperatura", un pensiero comune che non ha voce ma che gli uomini di potere dovrebbero prendere di più sul serio e decidersi a quel comportamento di coraggio e libero dalle ambiguità, che ognuno in cuor suo dispera ormai di trovare nella politica e in chi in genere esercita un potere collettivo e/o istituzionale.

 

 

Compagno Benedetto

 

Compagno Benedetto io te dico

che nun me frega un cazzo s’hai rubbato

pe te, pe la tua parte o pe n’amico:

la morte ormai da qui t’ha scancellato

 

e tocca ar Padreterno èsse nimìco

o pietoso, a seconna der peccato.

Però p’avé distrutto que l’antico

Partito Socialista ch’era stato

 

er sogno de Turati e de Pertini

e d’antri  che la vita hanno donato

ner nome de n’idea senza confini

 

e che, passanno sopra a ogni Stato

rischiara ar monno tutti li mattini:

no, questo nun pò èsse perdonato.

 

 

 

Er meno peggio

 

Nun me lo scordo quanno all’elezzioni

m’arzavo mórto presto la mattina

e me gonfiavo a fonno li pormoni

co na boccata d’aria frizzantina

 

e poi cor còre pieno d’emozzioni,

vestito co la robba mia più fina,

valeva come tre rivoluzzioni

quer voto messo drento a la cabbina!

 

Adesso s’è inquinato ogni ideale

de sta sinistra ormai conciata male

ch’aspetta d’annà solo all’obbitorio

 

pe celebbrasse er pubbrico mortorio

e io senza più sogni che me scejo

er meno peggio invece der più mejo.

 

 

 

Io tifo Tina Anzermi

 

Sta sinistra è così chiaroveggente

che nun te guarda ortre de na mano.

Mo stanno a cincischià sur Presidente

si fa’ D’Alema o fa’ Napolitano

 

quanno dovrebbe avé solo presente

quer bell’esempio e caro partiggiano

che nun se ne vergogna e nun se pente

der sua passato prossimo o lontano. [1]

 

Ma puro si è na brava e gran Signora

nissuno certo se la filerà

perché nemica già da la prim’ora

 

der Pidduista s’ebbe a dimnostrà

ner mentre c’è chi oggi come allora

lo vole a ogni costo da sarvà.


 


[1]       È il maggio 2006 quando venne eletto per la prima volta a Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

 

 

Er zarto de scranno

 

Gustavo Serva cambia de bandiera [1]

e me sa tanto ch’er zarto de scranno

nun è na converzione assai sincera

ma solo p’avé fatto un grosso danno,

 

co n’azzione pe gnente meritiera,

ar partito de Fini e D’Alemanno

che da tempo aricerca la magnera

de mette er vecchio sotto an novo panno.

 

Così è scappato via da st’Alleanza

p’annassene sicuro verzo un porto

che da quell’antro è corto de distanza.

 

Quarcuno lì je dice: “Statte accorto!

A la prossima, più che n’ambulanza,

è mejo chiamà un ber caro da mòrto!”


[1]       Il 9 giugno 2007 Gustavo Selva, in una Roma paralizzata dal traffico, finge un malore e chiede aiuto a un’ambulanza per arrivare in tempo agli studi televisivi LA7, dove è ospite di una trasmissione. Come conseguenze di questo fatto, divenuto di dominio pubblico, Selva lascia AN (sembra su pressione della dirigenza del partito),nelle cui fila è senatore, per aderire a Forza Italia. L’accaduto lo porterà poi ad essere condannato a 6 mesi di reclusione e al pagamento di un’ammenda di 2.000 €.

 

 

 

Er popolo ignorante

 

Sto popolo, se sa, è scordarello

e de quant’è successo ner passato

nun j’arimane gnente ner cervello.

De chi pe lungo tempo ha governato

 

nun s’aricorda questo oppuro quello

così che in antra forma mascherato

nun spunta sempre fora un manganello

pe daje botte in testa e sur costato.

 

Nonna diceva che quanno ’n somaro

te casca se lo marchia bene in chiaro

e doppo nun ce resta più fregato.

 

Nun è che la natura j’ha negato

l’istinto che dar male l’aripara!

Ma chi nun studia manco un cazzo impara.

 

 

 

La scerta der nome

 

Ner ventennio a na frega de bambini

je venne messo er nome de Firmato

da que li genitori un po’ burini

che, in quarche editto vedenno stampato

 

sotto in carce Firmato Mussolini,

aveveno de certo equivocato

e cor timbro de preti e de padrini

a st’innocenti je l’hanno appioppato.

 

La storia è fatta de ripetizzioni

e doppo che Dell’Utri t’ha esartato

lo stalliere de Sirvio Berlusconi

 

perché dar carcere nun t’ha fiatato,

ogni picciotto nun farà obbiezzioni

chiamà Mangano an fijo che j’è nato. [1]

 


[1]              NdA: un mio conoscente mi passò l’informazione che, in una non meglio specificata località della Sicilia, ad alcuni bambini era stato imposto dai genitori il nome di “Mangano”, evidentemente per onorare la memoria del mafioso stalliere di Berlusconi ad Arcore additato come santo da Dell’Utri per essersi portato nella tomba i segreti di sua conoscenza. La notizia colpì subito la mia fantasia e mi piace crederla verosimile anche se non ne ho mai verificato l’autenticità.

 

 

 

Er pesce puzza prima da la testa

 

infetta, come dice er vecchio annante,

e magara pe nun tajà du’ dita

t’ariduce er malato agonizzante

 

co destino finale l’antra vita.

Allora nun pò èsse titubbante

que la Nazzione che te viè assalita

dar morbo den cattivo governante.

 

Er pesce puzza prima da la testa

e solo doppo er corpo je s’appesta.

Perciò senza nemmanco un pentimento

 

pe sti rubbagalline a tradimento

ripijamo la lama su in soffitta

p’arichiamà in servizzio a Mastro Titta.

 

 

 

Tale tronco e tale tacchia

 

Scordata Cancellieri sur momento

ritorna ner Governo la maretta

ché pare ch’Angelino in Parlamento

la verità nun ce l’ha mica letta. [1]

 

E poi c’è n’ospedale a Benevento

dar quale mo se sente la vocetta

de na ministra che co sentimento

c’empara a tutti quanti l’etichetta. [2]

 

Se dice: “Tale tronco e tale tacchia!”

pe di’ che si na donna è bella o racchia

come na goccia d’aqqua ogni sua fija

 

de certo solo a lei j’arissomija.

Così pe questo nun ce s’encazzamo

perché su chi commanna se specchiamo.

 


[1]       Sul caso Shalabayeva e di sua figlia Alua (vedi nota a pag. 83 ), Alfano fu accusato di aver mentito al Parlamento.

[2]       Nel novembre 2013 scoppia lo scandalo delle nomine e degli appalti presso la ASL di Benevento per le quali risulta coinvolta la ministra delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo, NCD, costretta a dimettersi dall’incarico nel gennaio 2014.

Hit Counter