Gianmario Lucini

AA.VV.

Poeti e poetiche - 3

Saggi di Sebastiano Aglieco, Rinaldo Caddeo, Manuel Cohen, Mauro Corsi, Gianmario Lucini

 

ISBN 978-88-98677-64-1, pp.176,  € 14,00   

 

 

  

 

Il terzo tomo di Poeti e poetiche prende in esame la recente attività di otto poeti italiani e precisamente:

    Alfredo De Palchi - veronese di nascita, vive in USA

    Nino de Vita - vive Marsala

    Anna Maria Farabbi - vive a Perugia

    Bianca Maria Frabotta - vive a Roma

    Lucetta Frisa - vive a Genova

    Fiammetta Giugni - vive a Sondrio

    Salvatore Pagliuca - vive a Muro Lucano (Pz)

    Elio Pecora - vive a Roma

Sono tutti nomi molto noti, a parte Giugni (che in questi ultimi anni si è comunque fatta molto apprezzare dai lettori) e non molto noto è Pagliuca, un ottimo poeta dialettale (ma purtroppo la poesia dialettale attraversa un periodo molto difficile). Due sono i poeti dialettali presi in esame (De Vita e appunto Pagliuca) e Fiammetta Giugni ha scritto anch'essa molte poesie in dialetto (e alcune in un linguaggio inventato, altre addirittura in latino).

Viene anche presa in esame la poetica di De Palchi, molto noto in Italia e  non certo per merito dei critici italiani più in voga, ma per il fatto che De Palchi gode di molta stima dai poeti stessi che lo riconoscono come una voce importante della poesia italiana contemporanea, che vive autonoma e al di fuori dei circuiti letterari celebrati e laureati. Più corale invece pare la considerazione della cultura italiana per Elio Pecora, apprezzato da tutti (anche perché si tratta di una voce ormai "storica" della poesia italiana) ma piuttosto trascurato in questi ultimi pur fecondi anni, mentre sembra destare sempre più interesse la poesia di Bianca Maria Frabotta e quella di Anna Maria Farabbi, che pare molto concentrata in  una ricerca personalissima e profonda. Poca attenzione viene invece dedicata alla genovese Lucetta Frisa, una poeta che ha prodotto parecchie belle raccolte e che meriterebbe più considerazione da parte della critica.

I cinque poeti e saggisti che hanno voluto omaggiare questi autori, riconoscono in essi la qualità e la serietà della loro personale poetica e cercano di tratteggiarne i contorni per agevolare il lettore nella fruizione delle loro opere.

Chiude il saggio dedicato ad ogni autore, una breve selezione di poesie (alcune inedite, altre no).

L'opera ha, come le precedenti, un taglio divulgativo e non ha la pretesa di esaurire un approccio pur globale alla poetica di questi autori, ma soltanto quella di ipotizzare alcune chiavi interpretative (due o tre aspetti che possono colpire la sensibilità di chi legge), lasciando al lettore la riflessione personale senza nessun tentativo di influenzamento o di intrusione o forzatura del giudizio. Siamo infatti convinti che la lettura è sempre personale e la mediazione del critico deve fermarsi allo stimolo e al suggerimento, senza tentare le vie della valutazione, che spettano al lettore.

Hit Counter