Gianmario Lucini

Marco Scalabrino

Na farfalla mi vasau lu nasu

 

ISBN 978-88-98677-49-8,   pp. 48, € 8,00

 

 

 

 

 

Marco Scalabrino non è nuovo a questi esperimenti linguistici che, a ben vedere, sono considerati "esperimenti" nella nostra cultura, dove ormai è assodata la premiership della lingua nazionale, ma che sarebbero da considerare normale prassi nell'ambito di qualsiasi letteratura. Certo, ha senso ancora, in Sicilia (ma anche in altre realtà regionali italiane) continuare questa prassi, anche se ormai sta divenendo insolita e peregrina e, in alcune realtà, inutile. Se io ad esempio mi mettessi a tradurre i versi di Baudelaire o di Montale in dialetto valtellinese, farei un esercizio di stile di qualche interesse, ma dubito che troverei dei lettori disposti a leggere la mia traduzione, perché in Valtellina ormai non si parla (e soprattutto non si pensa) quasi più in dialetto: rimane certo una lingua viva, ma soltanto parlata e non scritta. In Sicilia le cose stanno ancora diversamente, a giudicare dalla ricca fioritura di opere letterarie in prosa e in poesia nel '900 siciliano.

C'è tuttavia molto da imparare, per chi scrive poesia, non tanto leggendo i versi ma ascoltando le soluzioni che il dialetto propone. Marco Scalabrino è uno studioso attento del dialetto, lo conosce nelle sue più sottili sfumature lo usa con una abilità unica. Il dialetto infatti sa dire le cose in un modo più immediato, meno impacciato, più vivo e più concreto rispetto alla lingua italiana e può essere, dunque, una miniera di stimoli per una scrittura letteraria più autentica, meno formale. [n.d.c.]

 

Sotto la cupola ampia del dialetto, quasi a dire che (il dialetto) non teme cimento, Scalabrino aduna poeti senza limiti geografico-temporali oltre-ché linguistici: autori di due continenti, di disparate regioni dell’Europa e delle Americhe, che si collocano dalla classicità, Orazio e Catullo, e, con uno smisurato balzo, ai nostri giorni, taluni addirittura ancora vi-venti: Jacques Thiers, Peter Thabit Jones, Iacyr A. Freitas; autori plane-tariamente noti, Wislawa Szymborska, Charles Bukowski, Edgar Lee Masters, fianco a fianco ad autori scarsamente noti o pressoché scono-sciuti in Italia: Duncan Glen, Robert Garioch, Hugh Mac Diarmid. La traduzione talvolta coincide con un’opera di promozione scaturita da una consapevole e coraggiosa assunzione di responsabilità nell’implicito giudizio positivo. Un paio di loro, benché stranieri, e cioè Nat Scam-macca e Peter Russell, risultano sostanzialmente “adottati” dall’Italia e in special modo dalla Sicilia. “Tutti, nondimeno, autori – precisa il nostro poeta-traduttore – di spessore, di valore, che trovano, tramite questo umile tributo, una ribalta, una piccola finestra per affacciarsi ed entrare a far parte della cultura siciliana.” [ Piero Carbone]

 

 

Ad Pyrrham / A Pirra

di Quinto Orazio Flacco

 

 

Cui è, Pirra, lu picciottu

chi nna un lettu di pàmpini di rosa 

t’abbrazza a l’ummira frisca di la grutta?

Pi cui allisci, cu liena grazia,

 

li biunni toi capiddi? Ah, quantu voti,

la fiducia traduta, la sorti cuntraria, 

avi a chianciri mischinu

e maravigghiàrisi di li nìuri furturati

 

cui godi astura di la to biddizza,

cui ti spera divota sempri e giniali

e, sincirazzu, nun sapi l’aria 

prestu comu cancia. Amari chiddi

 

chi tu latina abbagghi e nun ti sannu!

Ju, n’è tistimoniu lu muru sacru,

ci fici votu di li mei robbi assammarati

a lu diu putenti di lu mari.

 

 

 

Dippold, the optician / Dippold, l’ucchialaru

 di Edgar Lee Masters

 

 

Zoccu vidi?

Palli russi, giarni e viola.

Un mumentu. E ora?

A me patri, a me matri e a li mei soru.

D’accordu. E ora?

Facci giniusi di dami e cavaleri.

Prova chisti.

Frumentu a scialacori – un paisi.

Appostu. E ora?

Un coru d’ancili – na picciotta.

E cu sti vitra chiù forti?

Fimmini cu l’occhi chiari e labbra aperti.

Prova chist’autri.

Un biccheri supra un tavulinu.

Canciamu arrè vitra.

Un spaziu vacanti – nenti di spiciali.

E ora?

Arvuli di pinu, un lacu, un celu di staciuni.

Va megghiu. E ora?

Un libru.

Leggiminni na pagina.

E comu fazzu? Li pagini mi sbiddrìanu sutta l’occhi!

Nzaia st’autru paru.

Mulineddi d’aria.

Appustuni. E ora?

Luci, sulu luci chi cancia tuttu lu munnu a jocu.

Ci semu! Su’ chissi l’ucchiali chi avemu a fari.

 

 

 

Drink shop / Taverna

di Peter Russell

 

 

Mi piacinu ddi taverni affuddati

unni li liscimòrii su’ canziati,

unni stàgghia l’aria e lu picca ossiginu

sciogghi la lingua chiù di li pinzeri.

 

Chiacchiari franchi, fumu cu li coffi,

tanfu di cacòcciuli e maiolini,

n’agnuni unni scialari e addimurari

e di spinni e nguttumi futtirisinni.

 

Un munnu miserabili

cunzatu d’ogghiu e d’acìtu,

li cristiani vistuti a tipu cucchi,

 

nudda muggheri chi ci scassa l’asciddi

e vastasati un’appressu a nautra.

Ma, strati strati, l’ancilu firrìa.

 

 

Hit Counter