Gianmario Lucini

Angela Bonanno

Pani schittu

 

ISBN 978-88-98677-28-3  pp. 96,  € 10,00

 

 

 

Il pane come emblema e come tema, variamente declinato, costituisce una delle parole chiave della raccolta e, va da sé, una delle coordinate fondamentali del libro, nella duplice valenza, materica e simbolica. È motivo di origine e marca da subito in sottotraccia una differenza di genere: «me matri è n pezzu di pani schittu / di me patri non sacciu nenti», «mia madre è un pezzo di pane solo / di mio padre non so nulla»; è emblema della povertà materiale e morale in Tempo di fame: «senza fami», «senza fame», o della ‘fame nel mondo’: «n pezzu di pani siccu nt’o casciolu», «un pezzo di pane secco nel cassetto»; altrove, è elemento che rinvia a credenze pagane e a formule di religiosità figurali e popolari, come in Centomila scongiuri e preghiere: «ma u miraculu non veni e / u pani arresta sulu», «ma il miracolo non viene e / il pane resta solo»; o che richiama aspetti di etnografia religiosa, di attinenza rurale e umile: «u santu n testa / chiddu d’e poviri / d’o sulu pani», «il santo in testa / quello dei poveri / del solo pane»; viepiù si costituisce quale correlativo oggettivo di una condizione di solitudine, o di silenzio in Sunu fatti di carni i to paroli, Sono fatte di carne le tue parole: «ma u pani è silenziu», «ma il pane è silenzio»; o di disagio: «u pani adduppa», «il pane resta in gola»; e ancora, investe il mondo delle relazioni, rivelandosi quale più concreta, e congrua (per rapidità di sintesi, per esattezza icastica di rappresentazione) a riferire della problematicità interpersonale, fatta di mancanze e perdite, di vuoti e insufficienze, di incomprensioni e preterizioni: «ca di ognunu na mud-dica / m’arresta dintra / non sugnu spirituali», «che di ognuno una mollica / mi resta dentro / non sono spirituale»; a rimarcare la distanza, la fine di un amore: «u friddu / d’e to manu / schitti comu u pani», «il freddo delle tue mani / sole come il pane»; oppure: «è sempri n fattu di fami / l’amuri è quannu non c’è», «è sempre un fatto di fame / l’amore è quando non c’è»; o un elemento naturalistico a forte allusività analogica non privo d’ironia: «u pani schittu abbasta / ma i maccarruni / allinchiunu a panza», «il pane solo basta / ma i maccheroni / riempiono la pancia»; è oggetto di rivalsa, contro cui si scaglia un istinto libertario: «vasamu u pani d’aieri e / ittamulu ê cani», «baciamo il pane di ieri e / buttiamolo ai cani». Interrelati al pane come alimento e come emblema, sono il senso di fame (una necessità fisiologica che sposa presto un più connaturato bisogno di affettività) e la percezione del freddo, al contempo, fisico ed emotivo, interiore e meteorologico. Inutile quasi rimarcare quanto sia urgente la forte valenza di una Stimmung attualissima, come in questo testo: «perdu sempri na cosa / a sira i tappini / a forza a matina / iù perdu / tu perdi / persimu tutti / è u verbu d’a catina», «perdo sempre una cosa / la sera le ciabatte / la forza al mattino / io perdo / tu perdi / abbiamo perso tutti / è il verbo della catena». [Manuel Cohen]

  

__________________________________________

Link

Commento di Manuel Cohen

http://rebstein.wordpress.com/2014/04/09/il-lievito-madrepadre-o-doping-nella-poesia-di-angela-bonanno/

 

______________________________________

ci su paroli ca non vogghiu sentiri

sangu

ancora ancora avi n sonu duci

ma globuli russi e ianchi

m’agghiacciunu i renti

ci su paroli ca non vogghiu sentiri

paroli fausi

ca non servunu a nenti

addumannari pirmissu

spiari cu è

l’ura arriva a porti chiusi

e a morti s’attrasiri

trasi

 

 ci sono parole che non voglio sentire

ci sono parole che non voglio sentire / sangue / ancora ancora ha un suono dolce / ma globuli rossi e bianchi / mi gelano i denti / ci sono parole che non voglio sentire / parole fasulle / che non servono a niente / chiedere permesso / domandare chi è / l’ora arriva a porte chiuse / e la morte se deve entrare / entra

 

 

 

u riscussu si fa seriu

ti cazzulii i manu

ti putissi fari crisciri l’ugna

penzu

tingiritilli russi

e mi veni d’arririri

                        scritta nt’e stiddi

                        a luna storta a stasira

a to facci si fa niura

n coppu di tussi

a vuci non ti nesci

non vulissi essiri ô to postu

penzu

e mi veni d’arririri

 

 il discorso si fa serio

il discorso si fa serio / ti torturi le mani / ti potresti fare crescere le unghie / penso / tingerle di rosso / e mi viene da ridere / scritta nelle stelle / la luna storta stasera / la tua faccia si fa nera / un colpo di tosse / la voce non ti esce / non vorrei essere al tuo posto / penso / e mi viene da ridere

 

 

 

ora sacciu tuttu

u tempu

u pisu e

u ciatu

tuttu

suspiru ppi suspiru

a menti i passi

milli trimila

di mìa a tìa

no menzu a strata

l’arvuli n cani du lavavitri

n’o ciancu u pizzuluni d’e to ita

nt’a l’ossa

u friddu

d’e to manu

schitti comu u pani

 

ora so tutto

ora so tutto / il tempo / il peso e / il respiro / tutto / sospiro per sospiro / a memoria i passi / mille tremila / da me a te / nel mezzo la strada / gli alberi un cane due lavavetri / nel fianco il pizzicotto delle tue dita / nelle ossa / il freddo / delle tue mani / sole come il pane

 

Hit Counter