Vincenzo Mastropirro

Poésia sparse e sparpagghiote

Poesia sparsa e sparpagliata

 

ISBN 978-88-897224-90-7 - pp. 56,  € 8,00    - Richiedere a gianmariolucini@gmail.com

 

 

 

Vincenzo Mastropirro si conferma, con  questa pubblicazione, una delle  migliori voci dialettali del nostro meridione. Poeta dal carattere raffinato e insieme brusco, che incarna l'anima della saggezza contadina ma con lo sguardo straordinariamente aperto al resto del mondo, dove lo portano i suoi interessi e la sua musica. Poesie sparse e sparpagliate è una miscellanea di tematiche (liriche, civili, elegiache, satiriche) e di spunti diversi perché ogni poesia, per Mastropirro, è concepita per se stessa, come opera a se stante, come un brano di nusica. Anche nella poesia come nella musica infatti, Mastropirro mostra un'indole curiosa e un'attenzione per le gli aspetti particolari della vita, le stranezze, i fatti inusuali, le situazioni curiose (felici o dolorose). La sua ispirazione non è dunque "popolare" (nel significato decaduto del termine,  ma dotta,  alta, in colloquio con la poesia più aperta e impegnata del nostro tempo.

Come in quasi tutte le sue opere, egli usa il dialetto di una piccola zona delle Puglie che ha forti inflessioni lucane e campane,  la lingua materna del luogo dove è nato (Ruvo di Puglia), luogo di vigneti,  di agricoltura, di dedizione alla terra.

La pubblicazione è presentata da un'acuta prefazione di Nicola Pice  che ben introducono alla lettura di questi brevi ma straordinariamente vivi quadri poetici del nostro autore e chiosata da una nota di lettura di Anna Maria Curci.

 

 

 

 

 

 

Quanne stonne cchiù comandande ca truppe

vole a dèisce ca chèssa sociétò è malote.

 

Congédòme tutte le comandande

e lassome libere re truppe. Lassatene libere.

 

Quando ci sono più comandanti che truppe/ vuol dire che questa società è malata.// Congediamo tutti i comandanti/ e lasciamo libere le truppe. Lasciateci liberi.

 

*

 

U capebanne

 

U capebanne è pazze, nan sacce…

 

Fosce assì la banne alle quatte de matèine

e la fosce abballò inde u cambe sportèive.

 

Nan stè nesciune ma le banniste abballene bbune.

 

Stè u prime clarenìétte ca è zuppe

ma sone aggarbote e u sapene tutte

 

però, stè u fatte ca quanne abballe,

fosce scèje tutte fore timbe e la banne se ne vè 'ndìérre.

 

Quanne le musecande sonene la marce A tubo,

nan se capisce cchiù nudde.

 

U capebanne, careche u métruòneme

e manne tutte a fanghiule.

 

Il capobanda

Il capo banda è pazzo, non so…// Fa uscire la banda alle quattro del mattino/ e la fa ballare nel campo sportivo.// Non c’è nessuno ma i suonatori ballano bene.// C’è il primo clarinetto che è zoppo/ ma suona con garbo e lo sanno tutti// però, sta di fatto che quando balla,/ fa andare tutti fuori tempo e la banda cade a terra.// Quando i musicanti suonano la marcia A tubo,/ non si capisce più niente.// Il capo banda, carica il metronomo/ e manda tutti a fanculo.

 

*

 

L’avanguardie

 

Scrèive museche d’avanguardje

ca assemigghje a Romagna mia.

 

U péntagràmme me sckute ‘mbacce

e re note me guardene sott’ucchje pe' cume le fazze sckèife.

 

È nu trè/quarte - dèiche

ma lore nan ne volene sapaje de senò.

 

Nan nèghe, ca l’oregenaltò è lendone nu migghje

ma u pizze piosce assè alla ‘ggìénde.

 

Però forse è u vère, u pizze nan è tanda bbune

e re note onne rasciaune a sckutamme ‘mbacce

 

“…è nu bbune pizze de mìérde.”

 

Recanosce u érròre.

Me fìérme. Arragiunaisce.

Fazze nu respèire e scangéllàisce tutte.

 

Acchessèje chione-chione

vaite merìi re note un-alla-vuolte

sotte le colpe sechiure de na gomme arrebbote.

  

L’avanguardia

Scrivo musica d’avanguardia/ che somiglia a Romagna mia.// Il pentagramma mi sputa in faccia/ e le note mi guardano di sbieco per quanto gli faccio schifo.// È un tre quarti - dico/ ma loro non vogliono saperne di suonare.// Non nego che l’originalità è lontana un miglio/ ma il pezzo piace tanto alla gente.// Però, forse è vero, il pezzo non è tanto buono/ e le note hanno ragione a sputarmi in faccia// “…è un gran bel pezzo di merda”. // Riconosco l’errore./ Mi fermo. Rifletto./ Faccio un respiro e cancello tutto.// Così piano piano/ vedo morire le note una alla volta/ sotto i colpi sicuri di una gomma rubata.

 

*

 

 

L’anema ‘nsangunote

 

Me ne vogghje scèje – le deciaje ad attaneme.

 

Me guardaje e nan deciaje nudde

se stai citte ma sapaje idde ciò ca suffraje.

 

Osce, la sofférìénze è la maje

lore se ne vuonne ed èje remone dà, ca chiange

 

citte citte chiange e ‘nzime a maiche,

vaite chiange l’anema ‘nsangunote

ca a pizze a pizze se ne vè cu lore.

 

L’anima insanguinata

Me ne voglio andare – dicevo a mio padre.// Mi guardava e non diceva niente/ se ne stava in silenzio ma sapeva lui ciò che soffriva.// Oggi, la sofferenza è la mia/ loro se ne vanno ed io rimango li, che piango// in silenzio piango e insieme a me,/ vedo piangere l’anima insanguinata/ che a pezzi a pezzi se ne va con loro.

 

________________________________________________________________________________

Note di lettura

 

Francesco Marotta su La dimore dal tempo sospeso

http://rebstein.wordpress.com/2014/04/01/il-refrain-libero-e-civile-di-vincenzo-mastropirro/#more-63163

 

Hit Counter